Comunicazione organizzativa e comunicazione pubblica per le organizzazioni sanitarie I, II, III, IV

 

Scheda modulo Master Universitario MIOS

Area didattica

A - Teoria e strumenti del management sanitario

Titolo del modulo

Comunicazione organizzativa e comunicazione pubblica per le organizzazioni sanitarie

Crediti

5

Docente

Gea Ducci (titolare dell’intero corso – sotto-modulo I e II)

Michele Caporossi (sotto-modulo III)

Felicia Caprara (sotto-modulo IV)

 

Obiettivi formativi

Il modulo è finalizzato all’acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche in tema di comunicazione pubblica in sanità con particolare attenzione alla comunicazione organizzativa. Verranno affrontati criteri e strumenti con cui comunicare con efficacia all’interno e all’esterno delle organizzazioni sanitarie per migliorare le attività lavorative e l’erogazione dei servizi al cittadino.

In particolare gli allievi potranno apprendere quali sono le caratteristiche del  sistema di informazione e comunicazione nelle aziende sanitarie (es.: Urp e ufficio stampa...), in che modo pianificare e gestire le iniziative di comunicazione interna ed esterna.

Programma

La comunicazione pubblica rappresenta una componente fondamentale dei processi di modernizzazione delle organizzazioni sanitarie e socio-sanitarie: supporta le modalità di produzione ed erogazione dei servizi e incide sul miglioramento dei rapporti tra il sistema sanitario e i cittadini.

Una dimensione della comunicazione pubblica che risulta cruciale per il buon funzionamento delle organizzazioni sanitarie è la comunicazione organizzativa. Il corso affronterà questo tema utilizzando l’approccio di comunicazione integrata e i relativi criteri di applicazione in ambito sanitario (lezioni di Gea Ducci).

 

Nell’ambito del corso, professionisti esperti del settore condurranno lezioni sui seguenti temi  (sottomoduli del corso):

1-    Comunicazione pubblica in sanità: definizione, aree di intervento, approcci strategici alla programmazione e gestione della comunicazione interna ed esterna (mod. I e II) (Gea Ducci)

2 –  Il valore della comunicazione nelle organizzazioni sanitarie (mod. III) (Michele Caporossi)

3 – Il rapporto tra media e salute (mod. IV) (Felicia Caprara)

Una parte del corso è dedicata allo svolgimento di un workshop tenuto da Gea Ducci.

Il workshop affronterà  i criteri con cui  elaborare un “piano di comunicazione” di un’organizzazione sanitaria: l’analisi del contesto, la progettazione e la pianificazione, l’attuazione e il controllo delle iniziative di comunicazione, interne ed esterne.

Modalità didattiche

Lezioni frontali.

Seminari tematici, analisi di casi.

Workshop (con esercitazione di gruppo in aula).

 

Modalità di accertamento

Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo

 

Anno Accademico

2016-2017

 

Periodo

Marzo - maggio 2017

 

Bibliografia d’esame

Ducci G. (2014), Pianificare la comunicazione dei servizi di e-Health: attori, sistemi, relazioni. Il caso del Fascicolo Sanitario Elettronico, in Rivista Sociologia della Comunicazione, n. 48- Anno XXV, FrancoAngeli, Milano (pp. 26-38).

Invernizzi E. (2000),  La comunicazione organizzativa:  teorie, modelli e metodi, Giuffrè editore,  Milano,  cap. 4:  Il paradigma della comunicazione organizzativa (pp. 191- 209)

Ducci G,, Pubblica Amministrazione e cittadini: una relazionalità consapevole, Franco Angeli, Milano 2007 (capp.3-5, pp. 61-104).

Cioni E. e Lovari. A (2014), Pratiche comunicative social: una ricerca su organizzazioni sanitarie e cittadini connessi, in Rivista Sociologia della Comunicazione n. 48 - Anno XXV, FrancoAngeli, Milano (pp. 47-59).

Ducci G. (2016), Comunicazione pubblica e performance nella sanità digitale: trasparenza e accountability per un empowered patient, SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE, vol. 52, FrancoAngeli, Milano, p. 117-132.

 

Sussidi didattici e materiali aggiuntivi (di approfondimento)  verranno suggeriti dai docenti durante lo svolgimento delle lezioni.

 

Breve curriculum docente

Gea Ducci

Ricercatrice e docente presso il Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche; insegna Teoria e tecniche della comunicazione pubblica nel corso di laurea triennale in Informazione, media, pubblicità e Comunicazione Pubblica nel corso di laurea magistrale in Comunicazione e pubblicità per le Organizzazioni.

Direttore del Master in Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie (MIOS), Dipartimento DiSCUm, Università di Urbino Carlo Bo.

Tra le sue pubblicazioni:  Prove tecniche di interazione.  Comunicazione pubblica e contesto organizzativo, FrancoAngeli, 2001;  La comunicazione pubblica partecipata e contestuale: indagine per lo sviluppo dell’U.R.P. in un’azienda sanitaria locale, in Sociologia della comunicazione, n. 30.  Pubblica Amministrazione e cittadini: una relazionalità consapevole – Gli sviluppi di una comunicazione pubblica integrata, F. Angeli, Milano 2007, Cittadini e istituzioni nei social network – Sistemi relazionali e nuove forme di partecipazione, in L. Mazzoli (a cura di), Network effect – Quando la rete diventa pop, Codice Editore, Torino, 2009; Quale comunicazione pubblica e partecipazione civica con il web sociale? Cittadini e pubbliche amministrazioni a confronto, Rivista online PIC-AIS, N.2, anno 2011 "Pratiche culturali e reti di consumo - Luoghi plurali e nuove forme di partecipazione"; La comunicazione pubblica e la sfida dell’interculturalità, FrancoAngeli, Milano 2012; La comunicazione pubblica digitale per la trasparenza, l’accountability e il dialogo con i cittadini: verso una Pa open e condivisa, Rivista Autonomie locali e servizi sociali, n. 3, dicembre 2013, Il Mulino, Bologna (pp. 461-470); Pianificare la comunicazione dei servizi di e-Health: attori, sistemi, relazioni. Il caso del Fascicolo Sanitario Elettronico, Rivista Sociologia della comunicazione, n.48,FrancoAngeli, Milano anno 2014 (pp. 33-45); Il rapporto tra Pubblica Amministrazione e cittadini nella città digitale: trasparenza, accountability e open data nei nuovi contesti urbani, Rivista Sociologia Urbana e Rurale, n.107, anno 2015, FrancoAngeli, Milano (pp. 135-149); Public communication in the Processes of Transparency and Accountability in the Era of Open Data, Rivista Sociology Study, Volume 5, Number 2, February 2015, David Publishing Company, EL Monte CA, USA. ISSN 2159-5526 (Prin), ISSN 2159-5534 (Online) (pp. 83-90).

 

 

Michele Caporossi

Direttore Generale dell’azienda ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona dal Febbraio 2016.
Dal 1995 è stato Responsabile dell’Ufficio Programmazione e controllo di gestione della neo-costituita Azienda Lancisi di Ancona, contribuendo al rilancio del Cardiologico, prima del suo approdo avvenuto nel 2003 nel Polo di Torrette. Ha elaborato in tale fase un sistema di budgeting basato sulla personalizzazione dei Centri di Costo verso i singoli pazienti ed un sistema premiante che ha conseguito il quasi raddoppio delle attività core dell’Azienda, portando al recupero di una consistente quota di mobilità passiva nell’alta specializzazione.
Dal 2002 al 2005 direttore amministrativo aziendale della ASL 13 di Ascoli Piceno e Coordinatore dei progetti di integrazione Amministrativa Tecnica e logistica nell’Area Vasta Sud dell’ASUR.
Dal 2005 al 2009 Direttore Generale della ASL di Lanciano Vasto, in Abruzzo.
Nel 2009-2010 è stato, su conferimento del compianto DG Gino Tosolini, Direttore della struttura Complessa innovazione, Ricerca e sviluppo dell’Azienda ospedali Riuniti di Ancona.
Dal 2010 al 2014 è stato Direttore Amministrativo della neocostituita AO Marche Nord di Pesaro.
Dal 2014 al febbraio 2016 è stato Direttore Generale della ASL di Latina.

 

 

Felicia Caprara

Giornalista. Dal 1987 è iscritta all’Albo dei giornalisti dell’Abruzzo. Dal 1995 è giornalista Professionista.
Dal febbraio 1984 collabora in qualità di giornalista con il periodico “Corriere dell’Appennino” (Pescara).
Dal 2000 è collaboratore fisso della redazione Sanità de “Il Sole 24 Ore”. Il rapporto di collaborazione, in essere a tutt’oggi,  prevede la redazione di articoli inerenti iniziative e attività promosse nelle regioni Abruzzo e Marche (atti legislativi, riorganizzazione dei servizi, provvedimenti per il contenimento dei costi, istituzione di nuovi servizi e organismi ecc.) e dalle singole Aziende Sanitarie, con particolare attenzione per le attività a carattere di eccellenza esercitate da queste ultime. 
Inoltre fornisce articoli a giornali e periodici a diffusione locale e svolge attività di conduzione in occasione di convegni, dibattiti, tavole rotonde.
Dal 2006 coordina la “Centrale della comunicazione”, attivata con convenzione tra le Asl di Lanciano-Vasto e Chieti per dare uniformità di informazione in tema di sanità ai cittadini del territorio della provincia di Chieti.
Nel 2008 è vincitrice della selezione per l’attribuzione dell’incarico di dirigente della struttura “Urp - Ufficio Stampa e Comunicazione” della Asl Lanciano-Vasto.